Amministrazione trasparente

Rendere l'Amministrazione aperta e accessibile al cittadino, è questa la filosofia che ispira il decreto legislativo 33/2013. Questa sezione è a cura del responsabile della Trasparenza

Amministrazione trasparente

 

Il d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, riordinando la disciplina sugli obblighi per le pubbliche amministrazioni di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, detta le regole di presentazione dei dati sui siti istituzionali.

La  Sezione Amministrazione trasparente garantisce in via esclusiva l’adempimento degli obblighi relativi alla trasparenza previsti dal sopra citato decreto legislativo.

La trasparenza è intesa come accessibilità totale alle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche.

La trasparenza, nel rispetto delle disposizioni sul segreto di Stato, d’ufficio e statistico e di protezione dei dati personali, concorre ad attuare il principio democratico ed i principi costituzionali di eguaglianza, di imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell’utilizzo di risorse pubbliche, integrità e lealtà nel servizio alla nazione.

 Essa è condizione di garanzia delle libertà individuali e collettive, nonché dei diritti civili, politici e sociali, integra il diritto ad una buona amministrazione e concorre alla realizzazione di un’amministrazione aperta, al servizio del cittadino.

 In particolare, i dati personali pubblicati sono “riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e d.lgs. 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali”.

 Le disposizioni sulla trasparenza contribuiscono a definire il livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni pubbliche anche ai fini di prevenzione e contrasto della corruzione e della cattiva amministrazione, a norma dell’art. 117, secondo comma, lett. m), Cost..

Il 23 giugno 2016 è entrato in vigore il d.lgs. 25 maggio 2016 n. 97, recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della l. 6 novembre 2012, n. 190 e del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’art. 7, l. 7 agosto 2015, n. 124 in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” (cosiddetto Freedom of information act – FOIA) che ha apportato rilevanti modifiche in tema di obblighi di pubblicazione per le finalità di trasparenza ed in tema di diritto di accesso civico al fine di favorire, ulteriormente, forme diffuse di controllo sulle attività delle istituzioni e sull’utilizzo delle risorse pubbliche promuovendo la partecipazione degli interessati all’attività amministrativa a tutela dei diritti dei cittadini.

Più specificamente, tramite l’accesso civico, semplice o generalizzato, chiunque può conoscere dati ed informazioni detenuti dall’amministrazione nel rispetto dei limiti previsti a tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti.

Responsabile della trasparenza è il Consigliere di Stato Alessandro Maggio

Email PEC: resp-anticorruzione@ga-cert.it


Il sistema è supportato da una rete di referenti responsabili per la trasparenza e l’integrità nell’ambito delle strutture di competenza.

Verifica del sito alla conformità sulla Bussola della Trasparenza